Skip to content

Come trovare finanziamenti per una start-up ?

2 dicembre 2012

Il mondo del Venture Capital (VC) nasce per accompagnare le nuove imprese a muovere i primi passi nel mercato.

Uno dei maggiori players italiani è Innogest, che ha come target soprattutto aziende italiane, giovani e ad alto potenziale di crescita. Ce ne sono poi altri, come Dpixel, società milanese che si occupa di aziende innovative nel campo dell’ICT oppure Principia SgrA.M.E. Ventures360° Capital Partners e PmiEquity.

Potreste anche riuscire a colpire l’interesse di qualche business angel, in genere ex imprenditori e manager che dispongono di mezzi, esperienza e conoscenze da investire.  Italian Angels for Growth, e’ la relativa associazione di categoria per l’Italia e partecipa a quella europea, la Eban. Esistono poi anche i super angels, che non richiedono un posto nel cda e pretendono una quota di capitale minore. In Europa sono rappresentati da Connect Ventures.

Una nuova forma di raccolta fondi è quella del crowdfunding. Un gruppo di persone che partecipa finanziando ognuna una piccola quota del progetto in modo da raggiungere, nel numero allargato di sostenitori, la somma necessaria allo sviluppo o alla realizzazione dell’idea (in genere ottenendo una “ricompensa” a fronte di questo sostegno).  Le piattaforme più famose di crowdfunding sono Kickstarter e Indiegogo a livello internazionale, mentre in Italia abbiamo EppelaStarteed e Produzioni dal Basso
Le banche restano il canale tradizionale per accedere ai finanziamenti per avviare un’impresa. Spesso sono previsti finanziamenti agevolati per start-up avviate o in fase iniziale, ognuna con le sue condizioni e offerte particolari.

Esistono poi i finanziamenti pubblici dedicati all’avvio delle imprese, che in genere passano attraverso bandi regionali, che quindi vanno tenuti costantemente sott’occhio dagli aspiranti imprenditori. Esistono poi fondi a livello nazionale, come Autoimpiego, che prevede forme di finanziamento per l’imprenditorialità offerte da Invitalia, l’Agenzia Nazionale per l’Attrazione d’Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa, e Start it up di Unioncamere, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, rivolta a giovani immigrati. 
Infine esistono gli incubatori, che offrono servizi e risorse per accelerare la concretizzazione dell’idea in impresa. Ad esempio, H-Farm a Treviso, M31 a Padova, il Polo tecnologico di PisaAlmaCube presso l’università di Bologna e Itech in Lazio.  Italia Startup, è invece una piattaforma che unisce diversi soggetti privati che operano nel campo dell’innovazione e del digitale e che si propone di promuovere le start-up come motore del rilancio economico del nostro paese.

Buon lavoro!

From → Financing

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: